La Juventus è pronta ad una nuova offensiva per Manuel Locatelli, dopo essersi vista rifiutare 25 milioni di Euro più 5 di Bonus, che il Sassuolo ha declinato, chiedendo sempre e solo i 40 milioni cash. Così dopo un tira e molla con il manico da parte della società neroverde, la Juventus avrebbe ideato una trattativa che sta facendo pensare e non poco il Sassuolo e si potrebbe chiudere la trattativa nel giro di pochi giorni. Ma di cosa parlo? Andiamo a vedere.
La Juventus, società, nei panni del Ds Federico Cherubini, è in frequente contatto con il ds sassolese Giovanni Carnevali, i due hanno approfondito la trattativa per il centrocampista classe 1998 già per due volte; 25 milioni di Euro e 25 più il difensore centrale Radu Dragusin, ma in entrambe le trattative la società Sassuolo ha declinato, continuando a chiedere o 30 milioni più Dragusin oppure 40 milioni cash, cosa che la Juventus ad oggi non era disposta a corrispondere. Quindi dopo qualche giorno di assenza di chiamate tra le due società, quindi tra i due Ds, la società bianconera ha imbastito la trattativa alla Federico Chiesa. Sarà pronta a dare 35 milioni di euro al Sassuolo, ma nel 2023, prendendo il giocatore in prestito oneroso per due stagioni a 5 milioni di euro con diritto di riscatto a 30 milioni, bonus compresi. L'offerta piace al Sassuolo, che però chiederebbe l'obbligo di riscatto, quindi la trattativa si chiuderà quando la Juventus accetterà di chiudere la trattativa cancellando il diritto di riscatto e inserendo l'obbligo nella trattativa. Ma non è tutto, perchè la Juventus sarebbe disposta ad inserire nella trattativa, per abbassare la richiesta, Radu Dragusin valutato 10 milioni e che si trasferirebbe subito in neroverde in questa finestra di mercato, così da arrivare a sborsare soltanto 25 milioni di Euro, d'altra parte il Sassuolo sarebbe interessata a due tesserati Juve, Nicolò Rovella centrale di difesa che però è tornato in prestito al Genoa, oppure Nicolò Fagioli, che tanto bene ha fatto nell'Under 23 bianconera, anche se in questo caso Allegri avrebbe pensato di portarlo in pianta stabile in prima squadra, ma forse potrebbe fare un'eccezione per arrivare al più pronto Locatelli che sarebbe un titolare fin dalla prima di campionato, con Arthur che si è operato in Luglio per una; calcificazione della membrana tra tibia e perone, che lo terrà fuori per i prossimi due o tre mesi. Locatelli almeno inizialmente si giocherà il posto con Weston McKennie, affiancando Rodrigo Bentancur che sarà il mediano e Adrien Rabiot punto di forza del centrocampo bianconero. La Juventus quindi proverà a chiudere entro la fine di questa settimana, per aggregare subito il centrocampista lecchese e inculcare in breve tempo la mentalità del tecnico livornese.
Locatelli con la testa è già un giocatore della Juventus, del quale è tifosissimo fin da bambino, e che ha come suo idolo Andrea Pirlo, che ha visto giocare proprio in maglia bianconera nel quadriennio 2011-2015, e che spera, un giorno, di poter seguire le sue orme, magari indossando proprio quella 21 che ad oggi nessuno ha preso. Casualità?